Attività di ricerca e sviluppo

  • Valore degli investimenti in attività di ricerca: 3% delle vendite
  • Messa a punto di processi innovativi sia nel mixing dei materiali sia  nel building di pneumatici in tutti i segmenti
  • Leadership sia in termini di performance e sicurezza sia di ecocompatibilità
  • L’attività di ricerca ha permesso al Gruppo di ottenere diversi riconoscimenti

Elemento fondamentale per il Gruppo Pirelli per proseguire nella strategia di crescita è l’attività di ricerca e sviluppo che permette di innovare prodotti e processi e di valutare nuove opportunità di business.

I costi relativi alle attività di ricerca e sviluppo, completamente spesati in conto economico nell’esercizio, sono stati pari a euro 150 milioni, con una incidenza sulle vendite pari al 3,1%.

Le attività sono prevalentemente concentrate in Pirelli Tyre, con costi pari a euro 146 milioni, dove il Gruppo dispone di un centro di ricerca in Italia e di otto centri applicativi nel mondo, con oltre mille addetti di cui oltre il 60% provenienti da Paesi diversi dall’Italia.

Il valore degli investimenti nell’attività di ricerca è previsto mantenersi nel corso del prossimo triennio intorno al 3% delle vendite, rappresentando uno dei livelli più elevati del settore. Tutto ciò consentirà di arricchire il portafoglio brevetti (ad oggi oltre 4.500), di disporre di una capacità di rinnovamento del portafoglio prodotti premium, di proseguire nella messa a punto di processi innovativi sia nel trattamento (mixing) dei materiali sia nella produzione (building) di pneumatici in tutti i segmenti di prodotto (vettura, moto e veicoli industriali), e di sviluppare materiali alternativi a quelli tradizionali tanto in ottica di riduzione dei costi quanto in relazione alla sostenibilità ambientale.

Lo scambio di competenze tra i diversi business, la partnership coi migliori fornitori e la continua collaborazione con importanti centri di ricerca universitari e con le principali case auto, assicurano al Gruppo tecnologie in grado di sviluppare prodotti all’avanguardia, testati con successo nelle principali discipline sportive motoristiche e trasferiti poi su strada al servizio delle specifiche esigenze del cliente. All’attività tradizionalmente focalizzata sullo sviluppo di nuovi prodotti alto di gamma (pneumatici UHP, winter, runflat, SUV e moto) si è affiancata la sempre maggior attenzione strategica alla riduzione dell’impatto ambientale, sfruttando le componenti tecnologiche e il know how più avanzato, risultato di una intensa attività di ricerca nelle aree dei materiali, della modellistica, dei profili, dei disegni battistrada e dei processi.

Pirelli, grazie alle attività di ricerca e sviluppo condotte nel 2010, conferma la sua leadership sia in termini di performance e sicurezza, sia di ecocompatibilità, dimostrando di aver fatto propria la filosofia e i valori guida della green performance.

049.jpg

Tale strategia di green performance prevede una eco-innovazione a 360 gradi nella tecnologia:

  • dal punto di vista dell’ingegnerizzazione, si sono ridotti sensibilmente i tempi e i costi di sviluppo, con conseguente impatto positivo sul costo totale del prodotto. Nell’area dei processi produttivi, l’applicazione di sistemi all’avanguardia come il MIRS (un processo robotizzato, esclusivo di Pirelli, per la produzione dello pneumatico) e l’innovativo sistema di mescole CCM (Continuos Compound Mixing System) consentono di sviluppare prodotti attraverso processi di altissima qualità, molto flessibili e a basso impiego di energia;
  • l ’utilizzo di nuovi materiali ecologici (bio-materials), di derivazione organica, con benefici sia sul piano ambientale sia sul piano dei costi. Lo sviluppo di prodotti green performance è previsto per i diversi segmenti, con un rafforzamento, in particolare, della leadership già detenuta sul segmento premium;
  • partnership tecnologiche con altri protagonisti del settore. Pirelli si avvale da tempo del contributo di alcune delle realtà più prestigiose nell’ambito della ricerca: tra queste Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università di Craiova, Shandong University; sviluppi in open innovation con: STM, Comau, Sinteco, Evotek e molti altri partner industriali;
  • sviluppo del polo tecnologico e produttivo di Settimo Torinese, finalizzato alla creazione dello stabilimento per la produzione di pneumatici “verdi” tecnologicamente il più avanzato ed efficiente del Gruppo, nell’ambito di un processo che garantisce i maggiori standard di efficienza e produttività.

Pirelli è inoltre all’avanguardia anche nello sviluppo del progetto Cyber Tyre, lo pneumatico intelligente in grado di trasferire al veicolo informazioni fondamentali per l’assetto e la sicurezza di guida. Nell’anno è stato presentato in anteprima mondiale a Ginevra il sensore Cyber Tyre Lean, in grado di soddisfare le richieste della nuova normativa europea che impone l’adozione di un sistema per il rilevamento della pressione degli pneumatici su tutti i veicoli di nuova omologazione a partire dal 2012. Realizzato in collaborazione con Schrader-Tomkin, azienda leader mondiale per la realizzazione di sensori di pressione, Cyber Tyre Lean segna un primo passo verso la realizzazione dello pneumatico sensorizzato in grado di colloquiare con i sistemi di controllo del veicolo per la realizzazione di nuove funzionalità per la sicurezza del veicolo fornendo al contempo dati utili alla progettazione e alla messa a punto dello pneumatico stesso. L’attività di ricerca ha permesso al Gruppo di ottenere diversi riconoscimenti.

Pirelli è stata riconosciuta miglior fornitore di pneumatici dell’anno in Giappone. Il riconoscimento è giunto da Autobacs, lo storico rivenditore giapponese di ricambi e accessori automotive fondato nel 1947 con sedi in tutto il mondo, che ha premiato Pirelli per il significativo contribuito alle vendite del 2009. Protagonista del successo il P4 Four Season

Altro esempio è quanto risulta dallo studio Original Equipment Tire Satisfaction Index Study, condotto dal prestigioso istituto di ricerca JD Power & Associates, che ogni anno verifica il livello generale di soddisfazione degli automobilisti con un sondaggio, dove i prodotti Pirelli risultano come gli pneumatici ad alte prestazioni per veicoli sportivi preferiti dagli automobilisti americani.

La stampa specializzata ha premiato nel corso del 2010 Pirelli con numerosi riconoscimenti. ”Esemplare e senza punti deboli” è, ad esempio, il giudizio con il quale il Cinturato P7 è uscito a testa alta dai test sugli estivi a orientamento ecologico organizzati in Germania dalla rivista specialistica “Autobild” per valutare la capacità di questo tipo di prodotto di sposare risparmio energetico e sicurezza, anche nelle più impegnative condizioni di bagnato. Messo a confronto con altri quattro pneumatici nella misura 205/55R16 V, il pneumatico “verde” Pirelli per auto di media e alta cilindrata ha ottenuto il punteggio complessivo più alto, distinguendosi in particolare per le prestazioni su bagnato - handling e spazio di frenata – e nell’aquaplaning in curva.

“Esemplare” è il giudizio finale di “Autobild”, che del Cinturato P7 di Pirelli non registra punti di debolezza, commentandone solo il talento convincente, con caratteristiche di risparmio energetico soddisfacenti il comportamento di marcia armonioso, con stabilità di grip in curva e spazi di frenata ridotti sia su asciutto sia su bagnato ed il buon comfort acustico.

Nel 2010, Pirelli supera brillantemente i test sugli estivi organizzati dalla stampa tedesca. Diversi i pneumatici che si posizionano al top della classifica, dal performante PZero all’affidabile Chrono, passando dalla famiglia Cinturato. Pirelli è in grado di offrire i prodotti migliori, stabilendo i nuovi standard di riferimento, riconosciuti dalle riviste di settore più prestigiose e dai più esigenti club automobilistici della Germania.

In particolare:

  • PZero risulta vincitore assoluto per “AutoZeitung” per l’ottimo bilanciamento; 
  • Scorpion ATR si afferma vincitore di test per “Auto- Bildallrad” per sicurezza e grip su tutti i tipi di terreno; 
  • Cinturato P6 è promosso “molto raccomandabile” da ADAC per l’elevato bilanciamento, il comportamento sul bagnato, la bassa usura; 
  • Cinturato P7 è “molto raccomandabile” secondo ADAC, “AutoZeitung” e “Automotorsport” per l’alto bilanciamento, la bassa resistenza al rotolamento, la sportività; 
  • Chrono è riconosciuto da “Promobil” per l’eccellente risultato di frenata su bagnato e asciutto e per il comportamento in aquaplaning.

Anche dalla Cina sono giunte notizie positive. Secondo la rivista di motori “Auto news”, il pneumatico Cinturato P7 Pirelli è il “The best balanced tyre of the year”. In particolare, si è distinto per la tenuta di guida, la stabilità, il disegno battistrada ottimizzato per la bassa generazione di rumore e il processo di produzione a bassa emissione di carbonio. Pirelli è stata considerata la miglior marca del mercato ricambi in Cina. A stabilirlo è il “China Automobile Aftermarket Summit”, il forum che si è tenuto alla fine di aprile a Pechino, promosso dalla prestigiosa rivista “Motor Trend”.

Ventisette le marche di pneumatici candidate al premio, valutate dagli esperti del settore coinvolti nell’incontro, che hanno dichiarato Pirelli recommended brand per il 2010. Per il quinto anno consecutivo, Pirelli ha vinto “Best Tuning Cars & Best Brands 2010”, il concorso più amato dai lettori Auto Illustrierte (AI), la prestigiosa rivista automobilistica indipendente della Svizzera. Pirelli è stata proclamata miglior marca di pneumatici dell’anno da oltre 1600 lettori. Per la terza volta consecutiva, Pirelli è stata premiata dai lettori di SportAuto, l’autorevole rivista tedesca per gli appassionati di motori. Dalla ricerca che ha condotto tra i suoi lettori, si evince che Pirelli è stata particolarmente apprezzata nella categoria “Sportsmanship”, grazie al punteggio ottenuto nelle aree di “stabilità in curva”, “sicurezza ad alta velocità” e “prestazioni eccellenti in frenata”. Pirelli ha vinto anche nella categoria “Emotionality” grazie all’apprezzamento dei lettori nelle aree “I like the brand” e “Sport look”.

Nel 2010 si è inoltre consolidata la collaborazione con il Politecnico di Torino nell’ambito del progetto parzialmente finanziato dalla Regione Piemonte, per lo sviluppo tecnologico del Cyber Tyre con il deposito di alcuni brevetti a difesa delle soluzioni inedite identificate e la prosecuzione dei progetti legati al Next MIRS e allo sviluppo di una nuova tecnologia legata alla produzione di mescole ad elevate prestazioni (PTSM). Grazie a tale collaborazione sono in fase di preparazione diversi brevetti. Le innovazioni frutto della collaborazione sono già in fase di implementazione nel nuovo polo industriale di Settimo Torinese, uno degli impianti produttivi di pneumatici più moderni ed efficienti a livello internazionale

La collaborazione di Pirelli con il mondo accademico coinvolge inoltre l’Università degli Studi di Milano Bicocca. Anche nel 2010 Pirelli ha messo a disposizione attraverso il Corimav (consorzio ricerca materiali avanzati) borse di studio per candidati dottorandi della scuola di scienze.
Nell’ambito degli pneumatici vettura, l’attività di ricerca e sviluppo Pirelli ha generato nel 2010 nuovi prodotti green come lo Scorpion Verde, il primo pneumatico ecologico ad alte prestazioni per SUV e Crossover che si inserisce nella strategia aziendale della green performance.
Pirelli ha costruito stretti rapporti con molte fra le principali case automobilistiche mondiali, finalizzati alla fornitura di pneumatici in primo equipaggiamento ma fondamentali anche per lo sviluppo di nuovi prodotti e per l’implementazione di nuove tecnologie.
Nel 2010, il Gruppo ha ottenuto, tra le altre, le seguenti omologazioni finali: Maserati Granturismo MC Stradale, Lamborghini New Murcielago, McLaren MP4 -12C, Porsche Cayenne, Aston Martin One-77, Bmw M3 e X3, Daimler GLK e CLS, Audi A8 e A7, Chrysler-Fiat 500 Usa, Volkswagen Touareg, Phaeton e Scirocco.
Ha debuttato al Salone dell’Automobile di Parigi la sopra citata nuova Maserati GranTurismo MC Stradale, la prima vettura equipaggiata al 100% con pneumatici Pirelli PZero Corsa appositamente sviluppati e prodotti con il nuovo processo Next MIRS.
La nuova 2011 SMS Mustang 302, della serie Signature line firmata Steve Saleen, avrà un equipaggiamento esclusivo Pirelli PZero.
Altro esempio di tecnologia e design d’avanguardia sono le auto di Pagani, veri e propri pezzi unici, artefici di due record sul circuito del Nürburgring. In partnership con Pirelli, Pagani Zonda R ha stabilito il nuovo record sul circuito Nordschleife di Nürburgring percorrendo i 20,83 km in un tempo di 6’47” con gli pneumatici Pirelli PZero Slick (nelle misure 265/645-19TL, 325/705-20TL).
Un tempo reso possibile dall’ottima aderenza all’asfalto e dalla capacità di trasferire a terra tutta la potenza dell’auto. Gli pneumatici sono stati realizzati a Milano nella prima linea prototipo del Next MIRS, il processo dell’eccellenza tecnologica Pirelli focalizzato sulla realizzazione di pneumatici Ultra High Performance e Motorsport.

051.jpg

pneumatici.jpgGli sforzi di ricerca e sviluppo di Pirelli Tyre hanno visto nel 2010 significativi riscontri nelle competizioni, banchi di prova delle nuove soluzioni tecnologiche nelle condizioni limite d’impiego dei veicoli. Pirelli fornirà gli pneumatici del Campionato Mondiale di Formula 1 nel triennio 2011- 2013. La FIA (Fédération Internationale de l’Automobile), i team, rappresentati dalla FOTO (Formula One Team Association), e l’organizzazione della Formula 1, rappresentata dalla FOM (Formula One Management), hanno scelto Pirelli come fornitore unico, valutando positivamente le soluzioni proposte dal Gruppo italiano volte a garantire continuità tecnologica e qualitativa alle scuderie in gara.

Sempre per il triennio 2011- 2013, Pirelli si è aggiudicata anche la fornitura in esclusiva del Campionato Mondiale Serie GP2.
La fornitura alla Formula 1 completa l’impegno di Pirelli nell’ambito degli sport motoristici, nei quali il Gruppo italiano è impegnato dal 1907, quando vinse il raid Parigi- Pechino.
Pirelli è attualmente impegnata come fornitore unico nelle più importanti competizioni mondiali, sia nelle discipline auto sia moto, quali il Campionato mondiale GP3, il Mondiale Rally WRC, la Rolex Sports Car Series in Nord America, il Campionato Mondiale Superbike, e il Mondiale Cross. A questi vanno aggiunti più di 70 tra campionati nazionali e internazionali.

La business unit Moto nel 2010 ha visto il lancio del nuovo pneumatico moto Supersport Diablo Rosso; Diablo Rosso II si distingue per il nuovo disegno del battistrada progettato con tecnologia FGD (Functional Groove Design), che contribuisce a migliorare la regolarità dell’usura e ad incrementare ulteriormente la superficie di contatto. Per migliorare l’aderenza, Pirelli ha utilizzato la tecnologia EPT (Enhanced Patch Technology) sviluppata dall’esperienza nel campionato Superbike. A massimizzare l’area di contatto interviene anche il design ICS (Integrated Contour Shaping), che esalta la tenuta e l’erogazione di potenza della moto e garantisce risultati senza precedenti quanto a stabilità, prestazioni sul bagnato e sicurezza in curva.

Centocinquanta piloti si sono dati appuntamento in aprile sul circuito di Zolder, in Belgio, chiamati a raccolta da Metzeler per sperimentare il nuovo Sportec M5 Interact, mentre in ottobre, sul campo prove Pirelli di Vizzola Ticino, è stato presentato alla stampa internazionale Feelfree Wintec, primo pneumatico pensato per consentire agli scooteristi di utilizzare le due ruote nelle superfici umide o scivolose, tipiche dei mesi autunnali e invernali, garantendo sicurezza e affidabilità
È stato lanciato un innovativo set di misure da enduro street radiale, Scorpion Trail, unico esemplare nel suo genere, nato dalla lunga e affiatata collaborazione fra Pirelli e Ducati, che dal 1° gennaio 2010 gomma tutti i modelli in Primo Equipaggiamento con pneumatici Pirelli.

In aggiunta alle attività legate al core business Tyre, il Gruppo ha investito anche nelle attività di supporto alla valorizzazione del marchio, come PZero. Anche nel comparto abbigliamento, pur nel rispetto delle tendenze della moda, sono state studiate soluzioni per migliorare il confort e le prestazioni delle calzature ed è stata effettuata una caratterizzazione su tutti i materiali utilizzati in modo da creare una correlazione tra le proprietà del materiale e le prestazioni del prodotto.
Sono state inoltre avviate tutte le procedure di verifica presso i fornitori di PZero relative agli obblighi indicati nel regolamento REACH per quanto riguarda l’eventuale tossicità dei materiali di nostro interesse.

Nel campo del fotovoltaico sono continuate le attività legate sia alla progettazione che alla prototipazione di inseguitori solari per moduli fotovoltaici convenzionali. I prototipi completi, con caratteristiche di design innovative e di ampie dimensioni, supportano una potenza complessiva di circa 4 kWp e garantiscono una produttività fino al 40% in più rispetto a moduli montati su strutture fisse e rispetto al progetto relativo alla concentrazione solare fotovoltaica che garantisce delle prestazioni elevatissime in termini di efficienza che si sommano alla possibilità di importanti riduzioni dei costi dei componenti e del processo.